Cookies disclaimer
By continuing your browsing, you accept the deposit of third-party cookies for audience measurement (Google Analytics), to offer you share buttons, social content downloads.
I AGREE
I REFUSE

La riapertura dell’economia cinese ha rispecchiato quelle che erano le previsioni degli esperti nel 2022: ci sono state delle sorprese economiche positive che hanno rafforzato la fiducia degli investitori. La crescita del prodotto interno lordo (PIL) cinese del primo trimestre, per esempio, ha raggiunto il 4,5%, superando le stime di consensus (4%). Anche il rimbalzo dei consumi è stato sostenuto, guidato dalla forte ripresa del settore dei servizi.

Caratterizzata da un tessuto economico composto sia da grandi imprese leader mondiali nel loro settore sia da molte realtà innovative, il distretto industriale dello Yancheng si dimostra una delle mete più strategiche per le aziende straniere che desiderano investire nel proprio sviluppo internazionale. Questa, infatti, è una delle principali aree industriali della Cina, fisicamente e industrialmente molto vicina a Shanghai, nonché luogo di investimento per grandi imprese quali le aziende automobilistiche KIA e Hyundai.

In un’ottica di costante crescita e promozione della zona, l’area dello Yancheng, con cui Altios Italia collabora aiutando le aziende nel loro processo di internazionalizzazione e di sviluppo all’estero, sta promuovendo diversi progetti di finanziamento, anche di stampo economico, nei confronti di quelle realtà italiane che vogliono investire all’estero.

La collaborazione tra Altios Cina e il distretto di Yancheng può essere strategica per quelle aziende che hanno progetti di sviluppo in Cina e stanno cercando un partner qualificato che le possa assistere partendo da semplici ricerche di mercato e/o consigli strategici per crescere nel paese, per arrivare all’effettiva apertura di stabilimenti produttivi, filiali, uffici commerciali oppure alla ricerca di personale cinese.

Investire in Cina e nel distretto industriale dello Yancheng nello specifico è assolutamente strategico per le società italiane che hanno magari già un fatturato nel paese. Questo perché, che si abbiano uno o più agenti d’istanza sul territorio, un distributore di fiducia o semplicemente dei clienti nel Paese, essere presenti fisicamente non solo garantisce una migliore gestione dei rapporti già esistenti, ma consente lo sviluppo di nuovi legami commerciali e la conseguente crescita del fatturato nel Paese, sfruttando l’incredibile vicinanza con Shanghai e con le zone industriali più importanti della Cina.  

Tornare a fare affari in Cina con ALTIOS

Le aziende interessate a trarre vantaggio dall’apertura dei cancelli della Cina dovrebbero prendere in considerazione l’idea di saperne di più sui diversi settori, che è il modo migliore per penetrare nel mercato. 

Con la nostra esperienza di oltre 30 anni  e un team di esperti con sede a Shanghai, possiamo allocare risorse adatte a navigare nell’intera opportunità cinese. 

Per discutere di più sulle opportunità di mercato, prenota una sessione di consulenza con noi 

Scrivi a: g.rossi@altios.com

 

Fonte: https://www.troweprice.com/

Go International, organizzata da Trade Events e Aice (Associazione Italiana Commercio Estero), è l’evento espositivo di riferimento per i servizi export che si terrà dall’ 11 al 12 ottobre 2023 all’Allianz MiCo di Milano.

 La fiera ha l’obiettivo di mettere in contatto la domanda e l’offerta di servizi per il supporto  all’export e all’internazionalizzazione, fattori determinanti per la crescita di un’azienda.

Altios, gruppo internazionale che da oltre 30 anni è specializzato nel supporto alle aziende che desiderano espandere o consolidare le proprie posizioni nei mercati esteri, ha accompagnato negli anni oltre 10.000 società nei loro progetti di sviluppo all’estero, attraverso una rete integrata di 35 uffici Altios presenti in 22 paesi.

 Go International sarà per noi un’occasione per spiegare alle aziende i servizi che svolgiamo per supportarle nel loro sviluppo internazionale:

  • Progettazione e attuazione della strategia di espansione internazionale (go-to-market)
  • Creazione e domiciliazione di filiali e uffici commerciali; gestione amministrativa,   contabile e finanziaria
  • Selezione, gestione e assunzione di personale all’estero
  • Supporto completo nelle operazioni internazionali di acquisizione e fusione (buy-side & sell-side)

 

La nostra missione è aiutarti a sviluppare il tuo potenziale internazionale, vieni a trovarci all’Allianz MiCo allo Stand G16!

Registrati gratuitamente cliccando qui

Clicca il banner per fissare un appuntamento con i nostri esperti in fiera 👇

 

Il settore IT guida non solo l’economia nazionale, ma anche il mercato nazionale delle fusioni e acquisizioni. 

Secondo i dati di Navigator Capital e Fordata, nel 2022 sono state effettuate in Polonia 341 operazioni di M&A (un aumento di 13 operazioni rispetto al 2021), di cui in oltre il 20% dei casi sono state acquisite entità del settore Media/IT/Telecom. 

Alto livello di competenza dei programmatori polacchi (2° posizione tra i paesi dell’Europa centrale e orientale nella categoria Talenti e nella classifica generale nella classifica Future of IT 2022 sviluppata da Emerging Europe), l’esperienza nella collaborazione con grandi clienti, nonché i costi di manodopera ancora più bassi rispetto all’Europa occidentale, fanno sì che le aziende polacche diventino sempre più oggetto di interesse da parte degli investitori stranieri – sia aziende tecnologiche che investitori finanziari. 

Questo interesse va di pari passo con i piani di sviluppo delle aziende IT polacche, per le quali una partnership strategica con un’entità industriale rappresenta un’opportunità per aumentare la portata delle operazioni, acquisire nuovi clienti o entrare in nuovi mercati.

I cambiamenti di proprietà nel 2022 includono Predica, una società specializzata in MS Azure, incorporata dalla società svizzera SoftwareOne, la software house Codete, focalizzata sul supporto alla digitalizzazione, acquisita dalla statunitense Exadel, e Cloudity, un partner leader di Salesforce,
in cui Hardis Group, un integratore IT francese, ha acquistato azioni.

L’attrattiva del mercato IT polacco è dimostrata anche dal fatto che gli operatori stranieri decidono di effettuare ulteriori acquisizioni in Polonia. 

Un esempio è il gruppo francese Inetum, che è entrato in Polonia nel 2016 rilevando Impaq. Nel 2022, tramite Inetum Polska, entra a far parte di Jcommerce, società che offre servizi di trasformazione digitale con un team di oltre 300 specialisti. 

L’azienda olandese Xebia ha deciso di fare un passo simile, acquistando PGS Software nel 2021, e nel gennaio di quest’anno ha annunciato l’acquisizione di GetInData, una società che offre soluzioni Big data, cloud e AI. 

Un’altra entità è stata acquisita anche dall’estone Uptime, che ha investito nella software house JMMJ nel 2020, e due anni dopo ha rilevato una quota di maggioranza di Vimanet.

Ma non sono solo gli investitori stranieri ad essere responsabili delle acquisizioni sul mercato informatico polacco. Anche le aziende nazionali stanno effettuando acquisizioni, consolidando così il mercato dove operano ancora molte piccole entità. 

Dal punto di vista dell’acquirente, queste operazioni sono un modo per rafforzare la propria posizione attraverso, tra l’altro, l’accesso a nuovi prodotti e tecnologie, oltre ad acquisire un team di specialisti con competenze specifiche, difficili da reclutare in condizioni di grande carenza di personale.

L’anno scorso Asseco ha acquistato una quota di maggioranza di Pirios, leader nelle soluzioni di automazione del servizio clienti utilizzando voicebot e chatbot. 

Euvic, uno dei più grandi gruppi di capitale informatico in Polonia, attraverso la società eo Networks acquisita nel 2021, ha investito nella software house Hand2band

Netguru, con una vasta esperienza in operazioni di M&A, ha acquisito una quota di maggioranza nell’agenzia mohi.to specializzata in servizi UX. 

Anche Escola, che crea applicazioni mobili e web, ha deciso di fare un’altra acquisizione, rilevando IT.focus insieme a un team di 20 persone nel 2022.

È interessante notare che gli operatori IT polacchi non si stanno concentrando solo sul mercato interno, ma stanno diventando sempre più audaci riguardo alle acquisizioni estere.
Dopo le transazioni nei paesi vicini (ad esempio Asseco nella Repubblica Ceca e in Slovacchia), era giunto il momento di spostarsi verso direzioni più lontane. Negli Stati Uniti ha investito, tra gli altri, la già citata Netguru, divenuta azionista di minoranza della società di consulenza digitale Pilot 44 di San Francisco. 

Software Mind, società di proprietà di Ailleron e del fondo Enterprise Investors, ha deciso di effettuare acquisizioni negli Stati Uniti e in Argentina, e precedentemente in Romania e Moldavia.

Il progressivo consolidamento sembra essere un percorso naturale per lo sviluppo del settore IT polacco nei prossimi anni. 

Contribuirà a costruire una posizione più forte delle imprese nazionali, che, tra l’altro, grazie a una maggiore scalabilità del business e a una gestione professionale, saranno in grado di aumentare la loro presenza anche sui mercati esteri, anche attraverso acquisizioni.

Inoltre, tali entità attireranno l’interesse di grandi investitori stranieri che, a causa della complessità dei processi di M&A e dei costi ad essi associati, sono alla ricerca di aziende non solo con uno specifico profilo di competenza, ma anche con una scala operativa adeguata.

 A causa dell’incertezza economica è difficile prevedere come si svilupperà il mercato delle fusioni e acquisizioni nel settore IT nel 2023. Tuttavia, sembra che quest’anno osserveremo anche molte transazioni interessanti che coinvolgono entità polacche, sia come venditori che come acquirenti. La nostra esperienza dimostra che i proprietari delle aziende IT polacche sono aperti a discutere sulla vendita di azioni con partner industriali, essendo consapevoli dei numerosi vantaggi derivanti da una tale soluzione. Uno di questi è la capacità di realizzare progetti complessi sui mercati internazionali, che è di grande importanza dal punto di vista della gestione del team. L’apertura del mercato del lavoro globale a causa della pandemia ha costretto le aziende polacche a cercare i migliori specialisti, che si aspettano non solo un salario competitivo, ma anche interessanti sfide professionali.

A loro volta, le aziende che vogliono costruire autonomamente la propria posizione all’estero non si limitano più a creare un team di vendita in un mercato selezionato e, spesso faticosamente, a reclutare specialisti IT.

Alla ricerca di un modo rapido ed efficace per crescere a livello internazionale, sempre più spesso prendono in considerazione l’acquisizione che, nel caso del partner giusto, non offre solo competenze tecniche e un portafoglio di clienti, ma anche una serie di sinergie.


Magda Fraile, Project Manager M&A presso Altios Polonia

 Stai pensando di entrare nel mercato polacco? Scrivi a: v.ricciardi@altios.com

March 2022

L’India è da sempre un ottimo partner commerciale per l’Italia. Molti sono i casi virtuosi di accordi e partnership di stampo economico che hanno caratterizzato i rapporti tra i due Paesi e questo si dimostra oggi ancora più possibile grazie all’intervento di Altios International, che, grazie anche alla fusione con il gruppo locale Maier+Vidorno, offre ogni giorno servizi di consulenza aziendale a quelle realtà che desiderano affacciarsi sull’India.

Le possibilità d’investimento e di sviluppo nel Paese asiatico stanno, in questo senso, sempre più crescendo, dimostrandosi non solo fattibili, ma anche interessanti per le aziende italiane.

In data 5 Novembre 2020 è stato, in quest’ottica, rinnovato il Memorandum of Understanding (MoU) tra l’ICE (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane) e Investindia (l’agenzia nazionale indiana per la promozione degli investimenti nel paese), al fine di continuare e promuovere i già ottimi accordi tra i due paesi.

———————

Ma perché investire in India?

L’India è il secondo mercato asiatico, dopo la Cina, in termini di stock di investimenti diretti in uscita dall’Italia, per oltre 6 miliardi di euro. Fin dagli anni Novanta, le imprese italiane hanno guardato con sempre crescente interesse all’India quale destinazione di investimenti, al punto che ad oggi si contano più di 700 imprese indiane a partecipazione italiana, per la maggior parte di controllo.

———————

Diversi sono i settori di opportunità in cui il paese si dimostra eccellente per le imprese italiane. Tra queste:

1. Settore dei macchinari e della meccanica strumentale

Il settore dei macchinari meccanici ed elettrici rappresenta oltre il 45% dell’export italiano in India, dimostrando la centralità della meccanica strumentale Made In Italy nel Paese. In questo senso, un’interessante opportunità per il Made in Italy è certamente rappresentata dal piano di sviluppo governativo “Make in India” (www.makeinindia.com), ovvero un programma governativo che facilita investimenti, stimola l’innovazione e costruisce una infrastruttura manifatturiera locale di livello internazionale.

2. Settore del food processing

La trasformazione dei prodotti alimentari è una delle più grandi industrie del Paese, che coinvolge circa 1,85 milioni di lavoratori e si colloca al quinto posto in termini di produzione, consumo ed esportazioni. Il settore in India è di enorme importanza e ad oggi rappresenta un settore fortemente in crescita, soprattutto a fronte degli ingenti investimenti e delle riforme strutturali che il governo indiano sta attuando in contrasto al notevole spreco di prodotti alimentari. Tra questi, la possibilità di investimenti diretti esteri al 100%.

3. Settore farmaceutico e dei dispositivi medici

L’India gode di una posizione importante nel settore farmaceutico e dei dispositivi medici globale: esso, infatti, è il terzo più grande al mondo in termini di volume ed il tredicesimo in termini di valore, rappresentando, rispettivamente, circa il 20% ed il 10% dell’industria globale, con previsioni di crescita comprese tra il 15% al 20% nel prossimo decennio. Gli investimenti diretti esteri al 100% sono consentiti attraverso percorsi automatici per progetti greenfield, mentre per progetti brownfield fino al 74% con procedura automatica e fino al 100% mediante autorizzazione governativa.

———————

Nel complesso, il Paese denota notevoli punti di forza. Tra questi:

1. L’India dispone di un’ampia forza lavoro (circa la metà della popolazione ha meno di 25 anni) con buoni livelli di istruzione e conoscenza della lingua inglese;

2. Negli ultimi 15 anni l’India è cresciuta ad un tasso medio annuo del 7,5%, uno dei più alti al mondo;

3. L’economia indiana è diversificata e presenta un efficiente settore privato dei servizi;

4. Dal 2015 l’inflazione in India si è mantenuta stabilmente al di sotto del 5%, con effetti positivi su consumi e investimenti.

——————

Sources:

https://www.ice.it/it/sites/default/files/inline-files/Obiettivo%20India.pdf