Cookies disclaimer
By continuing your browsing, you accept the deposit of third-party cookies for audience measurement (Google Analytics), to offer you share buttons, social content downloads.
I AGREE
I REFUSE

Come società straniera che opera in India, potresti avere difficoltà a tenere il passo con le complesse e mutevoli normative e requisiti sui salari e potresti trovarti a dedicare tempo e risorse significative all’interpretazione e al rispetto di questa legislazione.

Trascorrere innumerevoli ore in noiose attività amministrative può distogliere la tua attenzione dalla crescita della tua attività in India. È qui che il payroll outsourcing può essere un punto di svolta per te.

Data la complessità della gestione delle buste paga, che coinvolge sia le risorse umane che gli aspetti contabili, il payroll outsourcing può essere un’opzione praticabile per le società straniere in India che cercano di semplificare le loro operazioni e ridurre l’onere della gestione del libro paga.

In questo articolo approfondiremo il motivo per cui il payroll outsourcing può essere vantaggioso per la tua attività estera in India.

Servizi di outsourcing paghe

Gestire un’impresa in un paese straniero può essere un compito impegnativo, soprattutto quando si tratta di gestire attività complesse come il libro paga. La gestione interna delle buste paga può diventare rapidamente travolgente, con molteplici fattori da considerare, dal calcolo delle tasse all’emissione delle buste paga con rispetto delle tempistiche, soprattutto quando si dispone di risorse limitate. Inoltre, tenere il passo con le diverse leggi e regolamenti in India può ulteriormente aumentare il tuo impegno.

L’outsourcing dei servizi di gestione paghe a professionisti qualificati può aiutare le aziende internazionali che operano in India a semplificare i loro processi di payroll e risorse umane, liberando tempo e risorse preziose per le loro operazioni di core business.

Chi dovrebbe esternalizzare l’elaborazione delle buste paga?

L’elaborazione delle buste paga in outsourcing è consigliata per vari tipi di aziende, tra cui:

  • Operatori del mercato estero: le aziende che entrano in un nuovo mercato estero che non hanno familiarità con le normative locali dovrebbero prendere in considerazione l’esternalizzazione dell’elaborazione delle buste paga per evitare problemi di conformità e ridurre al minimo il rischio di errori.
  • Piccole e medie imprese (PMI) con budget limitati: le PMI possono disporre di risorse e budget limitati e spesso non hanno un ufficio interno dedicato alla gestione delle buste paga. L’esternalizzazione di queste attività a professionisti qualificati può aiutarle a risparmiare costi e tempo.
  • PMI alla ricerca di software avanzati per la gestione automatizzata delle buste paga: l’elaborazione delle buste paga in outsourcing può fornire l’accesso a software avanzati di gestione automatizzata delle buste paga, che le PMI potrebbero non avere il budget per acquistare e implementare internamente.
  • Aziende in rapida espansione: le aziende in rapida crescita possono avere tempo e risorse limitati da dedicare all’elaborazione delle buste paga. L’outsourcing può consentire loro di concentrarsi sugli obiettivi aziendali principali, garantendo al contempo che le buste paga siano gestite in modo accurato ed efficiente.

Principali vantaggi del payroll outsourcing per le società straniere che operano in India

  • Migliorare la conformità alle leggi locali in materia di occupazione e fiscale

Ogni paese ha requisiti di gestione delle retribuzioni unici e per rimanere conformi è necessario che i team di amministrazione delle buste paga abbiano una conoscenza approfondita delle normative specifiche del paese. Viene loro richiesto di rimanere aggiornati con le ultime normative, compresi i tassi di contribuzione, gli aumenti del salario minimo e altro ancora. Gli errori nell’elaborazione delle buste paga possono mettere le aziende a rischio di non conformità.

Per garantire la conformità e mitigare i rischi, esternalizzare il libro paga a un esperto di terze parti è una decisione saggia. In questo modo, le aziende possono sfruttare l’esperienza di un partner locale per le buste paga, che si impegna a garantire che tutti i processi di gestione delle retribuzioni rispettino le leggi e i regolamenti locali. Ciò consente alle aziende di rimanere aggiornate con i cambiamenti nelle normative a livello statale, federale, locale e di settore, senza dover investire risorse significative.

  • Semplifica la funzione HR

Il payroll outsourcing può semplificare il carico di lavoro del dipartimento delle risorse umane e consentirgli di concentrarsi sulle relazioni con i dipendenti e sulle questioni strategiche. Questo approccio può ridurre i costi e evitare di affrontare compiti amministrativi onerosi.

Trasferendo le responsabilità salariali a un fornitore di terze parti, le aziende possono evitare di assumere e formare personale aggiuntivo, risparmiando risorse e consentendo loro di concentrarsi sulle loro attività principali. In definitiva, il payroll outsourcing può aiutare a semplificare le operazioni e ridurre i costi complessivi di gestione di questa funzione internamente.

  • Superare le barriere culturali e di comunicazione

Le aziende straniere che operano in India affrontano sfide come il team building, la supervisione e la comunicazione a causa delle differenze linguistiche e culturali. Supporre che ciò che funziona in patria funzionerà all’estero spesso porta a frustrazione e fallimento. Per connettersi con altre culture e mantenere relazioni con i dipendenti internazionali, le aziende devono prestare particolare attenzione ai diversi valori culturali e ai modelli di comunicazione.

Per ovviare a questo problema, le aziende possono contare su un partner di gestione paghe con esperienza locale che lavora con professionisti locali per garantire la conformità ai requisiti nazionali e fornire supporto locale e in tempo reale ai talenti.

  • Mantenere la riservatezza e la trasparenza

La contabilità interna delle buste paga comporta il potenziale rischio di perdere i dati personali sensibili dei dipendenti. Questo è il motivo per cui è consigliabile prendere in considerazione l’esternalizzazione della contabilità salariale. Questo approccio aiuta a mantenere la riservatezza limitando l’accesso ai dettagli del libro paga ai decisori chiave e al personale senior. Per garantire la conformità alla sicurezza dei dati, è essenziale collaborare con un fornitore di buste paga affidabile che offra soluzioni sicure, tra cui crittografia, archiviazione e reporting dei dati.

Scegli il giusto partner per il tuo business in India

La gestione delle buste paga per i dipendenti locali è fondamentale per le aziende straniere che espandono le operazioni nel mercato indiano. Collaborando con un esperto locale di buste paga come M + V Altios, le aziende straniere possono gestire una funzione di gestione paghe senza problemi.

Dalla garanzia della conformità alle leggi e ai regolamenti locali fino alla fornitura di una guida esperta, le soluzioni innovative e completamente personalizzate di M+V Altios possono aiutarti a semplificare il processo di gestione delle retribuzioni e migliorare le tue operazioni aziendali complessive in India.

Ti aiutiamo a gestire in modo efficace le buste paga e ad affrontare le sfide relative al payroll come l’assunzione del giusto pool di talenti, la preparazione dei contratti dei dipendenti, il pagamento dei dipendenti nelle valute locali, la salvaguardia dei dati sensibili dei dipendenti e il mantenimento dell’aggiornamento con i requisiti di conformità in continua evoluzione.

Contattaci per sapere come i nostri servizi di gestione paghe possono aiutarti a massimizzare l’efficienza e l’accuratezza dei costi e a semplificare il processo di gestione delle retribuzioni.

Per info scrivi a: v.ricciardi@altios.com

July 2023

Il paese è attualmente al 3° posto nella regione Asia-Pacifico, tra le prime 12 destinazioni biotecnologiche a livello globale, grazie al sostegno e alle iniziative del governo. Il settore biotecnologico indiano è stato sostenuto da una serie di fattori, a partire dallo sviluppo delle prime politiche biotecnologiche a livello statale fino all’avvio del primo cluster strutturato di Life Sciences del paese. 

I progressi del settore possono essere attribuiti alla ricerca e all’innovazione, allo sviluppo di farmaci rivoluzionari, a investimenti significativi per accelerare il lancio di farmaci e ai progressi della medicina.

L’industria farmaceutica indiana ha registrato una crescita esponenziale, sostenuta dai recenti progressi nell’industrializzazione e dall’adozione delle tecnologie digitali, che hanno rivoluzionato il settore e trasformato il paradigma terapeutico generale. 

Le aziende si stanno sviluppando in aree come la gestione dei dati clinici, la business intelligence e le capacità analitiche, adottando la trasformazione digitale, l’intelligenza artificiale, l’apprendimento automatico, l’automazione robotica dei processi e la consulenza sulla telemedicina.

Questo articolo approfondisce l’industria indiana delle Life Sciences, evidenziando la sua recente crescita e i fattori che la guidano verso un futuro ancora più luminoso.

Impatto di Covid-19 sull’industria indiana delle Life Sciences

La pandemia di COVID-19 ha portato sotto i riflettori i settori sanitario e farmaceutico, evidenziando l’importanza della ricerca e sviluppo e della produzione di farmaci e vaccini. L’esperienza dell’India in queste aree le ha permesso di diventare un attore significativo nella lotta globale contro la pandemia, soddisfacendo il 62% della domanda globale di vaccini.

Tuttavia, la pandemia ha avuto anche un impatto negativo sul settore, con interruzioni nella catena di approvvigionamento e carenza di forza lavoro. 

Nonostante queste sfide, gli attori del mercato hanno adattato e implementato soluzioni intelligenti per colmare il divario tra domanda e offerta, con il risultato che l’India ha esportato prodotti farmaceutici per un valore di 24,62 miliardi di dollari nel 2022 in oltre 200 nazioni.

La pandemia ha anche stimolato l’adozione di progressi digitali con un approccio incentrato sui dati implementato in tutte le fasi del lavoro. L’industria sta inoltre aumentando gli investimenti in ricerca e sviluppo per ridurre i rischi dovuti a problemi geopolitici globali e lottare per l’autosufficienza.

Driver di crescita del settore delle Life Sciences

  • Settore farmaceutico in crescita

L’industria farmaceutica in India è un attore significativo a livello globale, classificandosi al 3° posto nella produzione in volume e al 14° in valore. L’India è il più grande fornitore di farmaci generici a livello globale, occupando il 20% della quota di mercato in volume ed è il principale produttore di vaccini con una quota di mercato del 60%.

Nonostante le interruzioni del COVID-19, le esportazioni farmaceutiche sono cresciute in modo significativo da 15,4 miliardi di dollari nel 2015 a 24,6 miliardi di dollari nel 2022, con una crescita anno su anno del 18%.

Si prevede che il mercato farmaceutico interno indiano raggiungerà i 130 miliardi di dollari entro il 2030. Inoltre, gli investimenti esteri nel settore farmaceutico sono quadruplicati negli ultimi cinque anni, con FDI cumulativi che hanno superato la soglia dei 20 miliardi di dollari nel settembre 2022, sostenuti da investitori- politiche amichevoli e prospettive positive del settore.

  • Pool di manodopera qualificata e costi di manodopera inferiori

L’India vanta la seconda forza lavoro al mondo nei settori farmaceutico e biotecnologico, che ha portato alla nascita di oltre 4.237 start-up biotecnologiche, con proiezioni di questo numero che raggiungeranno le 10.000 entro il 2025.

Ciò ha reso l’India una destinazione attraente per molte aziende per stabilire le proprie strutture di ricerca e sviluppo e produzione, dato che il costo di produzione in India è inferiore di circa il 33% rispetto a quello degli Stati Uniti. 

L’abbondante pool di manodopera qualificata e i costi di manodopera inferiori del paese ne fanno un potenziale hub per le aziende che cercano di creare le proprie unità di ricerca e sviluppo.

  • Le iniziative e le misure del governo danno impulso al settore

Il governo indiano ha investito attivamente nel settore della salute e delle Life Sciences per dare impulso al settore. 

Nel 2020, il governo ha annunciato piani di incentivazione di almeno 4,9 milioni di dollari in cinque anni per incoraggiare gli investimenti nella produzione di dispositivi medici e nel bilancio dell’Unione 2023-24 sono stati stanziati 11,96 miliardi di dollari per il settore farmaceutico e sanitario.

Inoltre, il Dipartimento di biotecnologia ha ricevuto 343,56 milioni di dollari per lo sviluppo di infrastrutture di base, ingegneria genetica, tecnologie e bioinformatica, biotecnologia agricola e formazione di professionisti qualificati.

Per rafforzare il piano dell’industria farmaceutica (SPI), è stato annunciato un esborso finanziario totale di 64,5 milioni di dollari per il periodo dall’esercizio 21-22 all’esercizio 25-26. Il governo prevede inoltre di spendere oltre 200 miliardi di dollari in infrastrutture mediche entro il 2024 e di aumentare la spesa sanitaria pubblica al 2,5% del PIL entro il 2025.

Gli schemi Production Linked Incentive (PLI) sono stati lanciati per stimolare la produzione, con un investimento iniziale di 1,83 miliardi di USD in ingredienti farmaceutici attivi e materie prime fondamentali, seguito da un investimento aggiuntivo di 2 miliardi di USD nel marzo 2021. Si prevede che lo schema genererà una vendita incrementale di 37,09 miliardi di dollari in sei anni, a partire dal 2022-23 fino al 2027-28.

Queste iniziative dovrebbero rafforzare sostanzialmente il settore delle Life Sciences in India nel prossimo decennio.

Tendenze emergenti nel settore delle Life Sciences in India

Si prevede che l’industria delle Life Sciences in India sarà modellata da diverse tendenze nel 2023, tra cui l’adozione di tecnologie digitali, l’esplorazione dei cambiamenti normativi e della volatilità del mercato e la gestione delle disuguaglianze sanitarie. Abbracciare queste tendenze attraverso la collaborazione e la convergenza del settore può sbloccare il pieno potenziale del settore, dalla ristrutturazione operativa al maggiore utilizzo di soluzioni digitali per la diagnosi e il trattamento.

Dando la priorità alla cura del paziente e concentrandosi su un impatto duraturo sull’umanità, l’industria può andare oltre il successo basato sul profitto. 

Man mano che l’industria diventa più guidata dai dati e personalizzata, la fiducia nelle nuove tecnologie e nei trattamenti aumenterà, facendo progredire ulteriormente la salute umana.

Tendenza farmaceutica e farmaceutica in India: aggiornamento del settore delle scienze lide di Maier Vidorno Altios

Grandi opportunità in vista per l’industria indiana delle Life Sciences

La crescita dell’industria delle Life Sciences in India è guidata dalla ricerca, dall’innovazione, dallo sviluppo di farmaci innovativi e dalle iniziative del governo.

Per capitalizzare le tendenze digitali emergenti e le applicazioni IT/sanitarie avanzate, i leader dovrebbero stabilire una visione per l’innovazione e il processo decisionale basato sui dati, dare priorità alle strategie e alle innovazioni relative ai dati e capitalizzare su tecnologie emergenti come AI, NLP, RPA, AR/VR , e M.L. Potenziare gli approcci di governance dei dati può guidare l’adozione di tendenze tecnologiche in evoluzione e soddisfare le esigenze aziendali in continua evoluzione.

L’industria indiana delle Life Sciences contribuisce in modo determinante al commercio estero del paese e offre un grande potenziale di investimento. L’industria è nota per la produzione di farmaci generici a prezzi accessibili e per l’adesione agli standard di produzione globali.

L’India è attualmente leader mondiale nella produzione farmaceutica, con una crescita prevista del 9-12% nella spesa medica nei prossimi cinque anni. Il governo indiano ha implementato diverse misure per ridurre i costi sanitari, tra cui il National Health Protection Scheme, che offre assistenza sanitaria universale e l’apertura di farmacie che offrono farmaci a basso costo.

Considerando questi fattori progressivi, prevediamo una crescita significativa nel settore delle Life Sciences in India nel prossimo futuro.

In che modo M+V Altios può essere d’aiuto?

Con una vasta esperienza nel settore, M+V Altios è ben posizionata per supportare le aziende del settore delle Life Sciences in India per sfruttare nuove opportunità e le sfide di crescita, migliorare la proposta di valore e costruire una solida presenza nel mercato indiano. I nostri servizi sono adattati alle problematiche che le aziende indiane del settore delle scienze della vita si trovano ad affrontare.

Per saperne di più su come possiamo aiutarti a fare affari con successo in India.

Scopri di più sulla sanità e sull’industria correlata qui

———————

—————–

Per saperne di più su come possiamo aiutarti a fare affari con successo in India contatta: v.ricciardi@altios.com

March 2023

Una delle tante possibilità per un’azienda straniera di entrare nel mercato indiano è la costituzione di una filiale. Con circa 650 aziende italiane in India e circa 400 impianti di produzione, le filiali di aziende italiane in India sono molto diffuse.

Spesso gestire un team da lontano non è facile e lo è ancor più gestire una Filiale; ciò di cui ha bisogno la sede centrale è un feedback regolare, attraverso la rendicontazione finanziaria, per sapere che la filiale è in linea con gli obiettivi finanziari generali, per confermare che ci sia un flusso di cassa positivo, per conoscere le transazioni transfrontaliere in modo che non ci siano sorprese dietro le quinte, per comprendere i regolamenti FEMA e ROC per assicurarsi che non vi siano rischi o minacce su quel fronte e sapere se il budget pianificato e distribuito è nella giusta direzione.

Ci sono alcune filiali che lo fanno molto bene e altre meno. Quando Altios lavora con filiali indiane di società straniere si considera parte del team e, per ottenere risultati, i nostri consulenti devono comprendere il contesto del team, parlare un linguaggio comune e gestire le aspettative oltre i confini.

Vorremmo quindi condividere con chi legge una prospettiva che, se utilizzata, costruisce una struttura che può essere implementata con facilità per entrambi i team: indiano e quartier generale. 

Innanzitutto, non solo la mappa geografica rappresenta il territorio; si può guardare la mappa geografica che parlerà delle colline e delle pianure, dei fiumi e dei laghi dell’India, una mappa linguistica che parla delle varie lingue parlate e la mappa della densità di popolazione del paese.  Ognuna di queste mappe rappresenta un aspetto del paese, ma non il paese nel suo insieme. Allo stesso modo, ciascuno dei report – report finanziari, conformità, flussi di cassa, ecc. – rappresenta in qualche modo l’azienda, ma solo quando messo insieme ti dice cos’è realmente la filiale. Nessuno di questi aspetti può essere visto isolatamente e nessuno di loro può essere ignorato.

Gli obiettivi aziendali stabiliti costituiscono molte “India” e ogni singola area non rappresenta le operazioni della filiale o le aspettative del committente, ma solo una parte. Pertanto, a ciascuna parte deve essere data la propria importanza da entrambe le prospettive, ovvero ciò che la sede centrale (società principale) si aspetta e come la controllata intende realizzarla.

Quando si apporta il cambiamento all’interno di un’organizzazione, è necessario andare oltre la superficie e guardare alle cause sottostanti; si dovrebbero visualizzare le mappe finanziarie, operative, di vendita e marketing, delle risorse umane e amministrative , ecc. per avere il quadro completo della filiale nella sua interezza. 

In secondo luogo, tutti gli individui coinvolti nella crescita della filiale – team indiano e team della sede centrale – sono come membri di una famiglia , ognuno ha una prospettiva diversa dei bisogni latenti della filiale stessa. Tutti però hanno un solo pensiero prevalente nella loro mente, ovvero come renderla felice, confortevole e sicura con l’obiettivo di garantire che l’azienda cresca.

Il modo in cui le cose vengono fatte nel paese d’origine potrebbe non essere lo stesso utilizzato in India; l’obiettivo è che le politiche, la cultura, le metodologie e le conformità siano soddisfatte. Questa percezione ed esecuzione differente è ciò che deve essere considerato quando si attraversano confini, culture e lingue. Si aggiunge valore integrando piuttosto che sovrapponendo modi di lavorare.

In terzo luogo, la trasparenza è della massima importanza. Ci aiuta a vedere chiaramente cosa sta accadendo davanti a noi, perché più possiamo vedere con grande chiarezza tutto l’elemento davanti ai nostri occhi, più grande sarà la fiducia . L’obiettivo appannato crea una mente annebbiata. Quando la sede centrale vede che la “lente” è totalmente trasparente, può relazionarsi meglio con l'”immagine”, perché tutti i suoi dettagli sono molto chiari, non c’è nulla di ambiguo. Ecco perché la trasparenza (chiarezza e precisione) porta a una maggiore fiducia. L’ambiguità porta alla sfiducia.

  • Quando si ha maggiore fiducia, si ottiene un maggiore sostegno.

Il consulente deve assumersi quindi la responsabilità di creare un ambiente in cui entrambi comprendano i requisiti e i principi operativi dell’altro.

Infine, ecco una panoramica della struttura che si può costruire:

1.Focus: focalizzazione costante sul nostro obiettivo e il suo allineamento agli obiettivi generali dell’azienda principale. Definire il proprio obiettivo in base alle differenze che esistono in questo paese; l’obiettivo rimarrà lo stesso, ma sarà necessario elaborare queste differenze nelle varie parti del paese: l’India del sud non è uguale all’India del nord, l’est non è la stessa cosa dell’ovest e la parte centrale è un mondo a parte. La sede centrale deve rendersi conto di questo e saper gestire la filiale con attenzione e coinvolgimento, non solo all’inizio nei primi uno-due anni, ma anche dopo. 

2. La struttura di governance deve adattarsi di conseguenza, definendo la frequenza con cui si riunirà il consiglio di amministrazione e pensando in anticipo a un membro da nominare.  E’ necessario un processo flessibile e iterativo per arrivare a ottenere il meglio dalle proprie operazioni in India.  E’ necessario creare strutture completamente globali o completamente locali o ibride che si evolveranno poi naturalmente nel corso del business. Sapere cosa monitorare è importante quanto sapere quando monitorare; quindi, creare dashboard pertinenti che forniscano le informazioni di cui si ha bisogno e consentire alla società madre e alla direzione indiana di arrivare a un processo decisionale rapido e agile. 

3. La leadership è il criterio di successo: così come è decisivo il processo decisionale (in base alla struttura che viene adottata per l’India), anche la flessibilità e la velocità diventano fondamentali. Come abbiamo scoperto, ci sono differenze nel modo in cui viene svolto il lavoro e anche nelle realtà del mercato: il miglior supporto è la leadership decisiva dall’interno e dall’esterno dell’India. Rimanendo autentici nelle proprie interazioni e nei propri rapporti, si è in grado di concentrarsi sui punti di forza dei membri del team e di costruire una squadra impegnata ed è più probabile sfruttare le opportunità che esistono in questo paese. Proprio come il business si evolverà, così faranno le persone e le relazioni. 

Mentre inizialmente il livello di direzione sarà alto, nel corso del tempo le persone si aspetteranno e dovranno avere più spazio per prendere decisioni che faranno i migliori interessi dell’ azienda. 

Stabilire operazioni in India richiede che le persone, la leadership e lo sviluppo dell’organizzazione si muovano tutti insieme con una visione comune. Il responsabile deve utilizzare un approccio consulenziale e pratico per costruire le capacità attuali e future. Pertanto, l’investimento più gratificante che si possa fare è quello nella leadership indiana e nel team. Assumere il talento giusto in questa posizione è il fattore di differenziazione.

Vorresti aprire una filiale in India e hai bisogno di supporto? Scrivi a v.ricciardi@altios.com

———————

March 2022

L’India è da sempre un ottimo partner commerciale per l’Italia. Molti sono i casi virtuosi di accordi e partnership di stampo economico che hanno caratterizzato i rapporti tra i due Paesi e questo si dimostra oggi ancora più possibile grazie all’intervento di Altios International, che, grazie anche alla fusione con il gruppo locale Maier+Vidorno, offre ogni giorno servizi di consulenza aziendale a quelle realtà che desiderano affacciarsi sull’India.

Le possibilità d’investimento e di sviluppo nel Paese asiatico stanno, in questo senso, sempre più crescendo, dimostrandosi non solo fattibili, ma anche interessanti per le aziende italiane.

In data 5 Novembre 2020 è stato, in quest’ottica, rinnovato il Memorandum of Understanding (MoU) tra l’ICE (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane) e Investindia (l’agenzia nazionale indiana per la promozione degli investimenti nel paese), al fine di continuare e promuovere i già ottimi accordi tra i due paesi.

Ma perché investire in India?

L’India è il secondo mercato asiatico, dopo la Cina, in termini di stock di investimenti diretti in uscita dall’Italia, per oltre 6 miliardi di euro. Fin dagli anni Novanta, le imprese italiane hanno guardato con sempre crescente interesse all’India quale destinazione di investimenti, al punto che ad oggi si contano più di 700 imprese indiane a partecipazione italiana, per la maggior parte di controllo.

Diversi sono i settori di opportunità in cui il paese si dimostra eccellente per le imprese italiane. Tra queste:

  • Settore dei macchinari e della meccanica strumentale

Il settore dei macchinari meccanici ed elettrici rappresenta oltre il 45% dell’export italiano in India, dimostrando la centralità della meccanica strumentale Made In Italy nel Paese. In questo senso, un’interessante opportunità per il Made in Italy è certamente rappresentata dal piano di sviluppo governativo “Make in India” (www.makeinindia.com), ovvero un programma governativo che facilita investimenti, stimola l’innovazione e costruisce una infrastruttura manifatturiera locale di livello internazionale.

  • Settore del food processing

La trasformazione dei prodotti alimentari è una delle più grandi industrie del Paese, che coinvolge circa 1,85 milioni di lavoratori e si colloca al quinto posto in termini di produzione, consumo ed esportazioni. Il settore in India è di enorme importanza e ad oggi rappresenta un settore fortemente in crescita, soprattutto a fronte degli ingenti investimenti e delle riforme strutturali che il governo indiano sta attuando in contrasto al notevole spreco di prodotti alimentari. Tra questi, la possibilità di investimenti diretti esteri al 100%.

  • Settore farmaceutico e dei dispositivi medici

L’India gode di una posizione importante nel settore farmaceutico e dei dispositivi medici globale: esso, infatti, è il terzo più grande al mondo in termini di volume ed il tredicesimo in termini di valore, rappresentando, rispettivamente, circa il 20% ed il 10% dell’industria globale, con previsioni di crescita comprese tra il 15% al 20% nel prossimo decennio. Gli investimenti diretti esteri al 100% sono consentiti attraverso percorsi automatici per progetti greenfield, mentre per progetti brownfield fino al 74% con procedura automatica e fino al 100% mediante autorizzazione governativa.

———————

Nel complesso, il Paese denota notevoli punti di forza. Tra questi:

  1. L’India dispone di un’ampia forza lavoro (circa la metà della popolazione ha meno di 25 anni) con buoni livelli di istruzione e conoscenza della lingua inglese;
  2. Negli ultimi 15 anni l’India è cresciuta ad un tasso medio annuo del 7,5%, uno dei più alti al mondo;
  3. L’economia indiana è diversificata e presenta un efficiente settore privato dei servizi;
  4. Dal 2015 l’inflazione in India si è mantenuta stabilmente al di sotto del 5%, con effetti positivi su consumi e investimenti.

——————

Sources:

https://www.ice.it/it/sites/default/files/inline-files/Obiettivo%20India.pdf

March 2022

L’India è da sempre un ottimo partner commerciale per l’Italia. Molti sono i casi virtuosi di accordi e partnership di stampo economico che hanno caratterizzato i rapporti tra i due Paesi e questo si dimostra oggi ancora più possibile grazie all’intervento di Altios International, che, grazie anche alla fusione con il gruppo locale Maier+Vidorno, offre ogni giorno servizi di consulenza aziendale a quelle realtà che desiderano affacciarsi sull’India.

Le possibilità d’investimento e di sviluppo nel Paese asiatico stanno, in questo senso, sempre più crescendo, dimostrandosi non solo fattibili, ma anche interessanti per le aziende italiane.

In data 5 Novembre 2020 è stato, in quest’ottica, rinnovato il Memorandum of Understanding (MoU) tra l’ICE (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane) e Investindia (l’agenzia nazionale indiana per la promozione degli investimenti nel paese), al fine di continuare e promuovere i già ottimi accordi tra i due paesi.

———————

Ma perché investire in India?

L’India è il secondo mercato asiatico, dopo la Cina, in termini di stock di investimenti diretti in uscita dall’Italia, per oltre 6 miliardi di euro. Fin dagli anni Novanta, le imprese italiane hanno guardato con sempre crescente interesse all’India quale destinazione di investimenti, al punto che ad oggi si contano più di 700 imprese indiane a partecipazione italiana, per la maggior parte di controllo.

———————

Diversi sono i settori di opportunità in cui il paese si dimostra eccellente per le imprese italiane. Tra queste:

1. Settore dei macchinari e della meccanica strumentale

Il settore dei macchinari meccanici ed elettrici rappresenta oltre il 45% dell’export italiano in India, dimostrando la centralità della meccanica strumentale Made In Italy nel Paese. In questo senso, un’interessante opportunità per il Made in Italy è certamente rappresentata dal piano di sviluppo governativo “Make in India” (www.makeinindia.com), ovvero un programma governativo che facilita investimenti, stimola l’innovazione e costruisce una infrastruttura manifatturiera locale di livello internazionale.

2. Settore del food processing

La trasformazione dei prodotti alimentari è una delle più grandi industrie del Paese, che coinvolge circa 1,85 milioni di lavoratori e si colloca al quinto posto in termini di produzione, consumo ed esportazioni. Il settore in India è di enorme importanza e ad oggi rappresenta un settore fortemente in crescita, soprattutto a fronte degli ingenti investimenti e delle riforme strutturali che il governo indiano sta attuando in contrasto al notevole spreco di prodotti alimentari. Tra questi, la possibilità di investimenti diretti esteri al 100%.

3. Settore farmaceutico e dei dispositivi medici

L’India gode di una posizione importante nel settore farmaceutico e dei dispositivi medici globale: esso, infatti, è il terzo più grande al mondo in termini di volume ed il tredicesimo in termini di valore, rappresentando, rispettivamente, circa il 20% ed il 10% dell’industria globale, con previsioni di crescita comprese tra il 15% al 20% nel prossimo decennio. Gli investimenti diretti esteri al 100% sono consentiti attraverso percorsi automatici per progetti greenfield, mentre per progetti brownfield fino al 74% con procedura automatica e fino al 100% mediante autorizzazione governativa.

———————

Nel complesso, il Paese denota notevoli punti di forza. Tra questi:

1. L’India dispone di un’ampia forza lavoro (circa la metà della popolazione ha meno di 25 anni) con buoni livelli di istruzione e conoscenza della lingua inglese;

2. Negli ultimi 15 anni l’India è cresciuta ad un tasso medio annuo del 7,5%, uno dei più alti al mondo;

3. L’economia indiana è diversificata e presenta un efficiente settore privato dei servizi;

4. Dal 2015 l’inflazione in India si è mantenuta stabilmente al di sotto del 5%, con effetti positivi su consumi e investimenti.

——————

Sources:

https://www.ice.it/it/sites/default/files/inline-files/Obiettivo%20India.pdf