Cookies disclaimer
By continuing your browsing, you accept the deposit of third-party cookies for audience measurement (Google Analytics), to offer you share buttons, social content downloads.
I AGREE
I REFUSE

La Cina è il primo mercato mondiale per le tecnologie pulite (consumo, investimenti e produzione) con un settore forte e verticalizzato. Un risultato delle sue politiche dal 2009.

Nel 2022, la Cina ha investito 546 miliardi di dollari in energia pulita: quasi il 50% degli investimenti mondiali. Nello stesso periodo gli Stati Uniti hanno investito solo 141 miliardi di dollari e l’UE 180 miliardi.

E’ il più grande investitore nel “settore manifatturiero a basse emissioni di carbonio”, con il 90% degli investimenti globali nel 2022, ed è anche il principale produttore di terre rare (90%) che sono fondamentali per il settore.

Anche se la Cina non estrae molto litio a livello locale, attraverso le sue aziende controlla un numero sufficiente di miniere per soddisfare la sua domanda all’estero.  Il Paese controlla l’80% di tutte le fasi necessarie per la costruzione di pannelli solari e il 60% di tutte le fasi necessarie per la costruzione di turbine eoliche e batterie per auto elettriche. Secondo le stime, sono 2,7 milioni le persone impiegate nel settore dell’energia solare, che rappresentano più della metà dei 4,3 milioni di posti di lavoro nel settore a livello mondiale.

Tra il 2013 e il 2019, i poli Cleantech più attivi sono stati in Cina. Ad esempio, 7,5 miliardi di dollari sono stati raccolti da startup di tecnologia climatica con sede a Shanghai.

Yancheng Environmental Science and Technology (YCESTC)

Yancheng, uno dei principali protagonisti del cluster dello Yangze River Delta (YRD), confinante con il Mar Giallo, si trova in una posizione preferenziale all’interno della zona di sviluppo costiero a nord di Shanghai.

Nel 2016, è stata l’unica città del nord del Jiangsu ad essere stata inclusa nel cluster dello YRD dal Piano di sviluppo del cluster di città del delta del fiume Yangtze.

Grazie alla sua posizione geografica favorevole e il rapido sviluppo economico, la città si sta facendo strada nel “circolo economico” intorno a Shanghai.

Fondata nel giugno del 2009, Yancheng Environmental Science and technology di Yancheng (YCESTC) è il primo cluster industriale cinese per la protezione ambientale riconosciuto dal Ministero della Protezione Ambientale della Cina (MEP) e l’unica zona di sviluppo ad alta tecnologia dell’industria ambientale nella provincia di Jiangsu.

Basandosi sui suoi punti di forza unici nelle politiche ambientali, la YCESTC si sforza di facilitare l’integrazione delle principali risorse industriali per svilupparsi in un’importante base industriale per il risparmio energetico e la tutela dell’ambiente a Yancheng e in Cina.

POTENZIALITA’ DI BUSINESS

Dopo anni di sforzi incessanti, l’YCESTC ha creato una piattaforma industriale integrata che si concentra sul controllo dell’inquinamento dell’aria, il trattamento delle acque, l’utilizzo dei rifiuti solidi e i nuovi materiali per guidare lo sviluppo delle imprese di protezione ambientale in Cina.

In questo modo YCESTC ha aiutato le imprese ad affrontare le sfide tecniche per migliorare le capacità complessive della regione in materia di protezione ambientale e innescare la trasformazione e il potenziamento dell’industria.

Nel frattempo, ha dedicato sforzi per promuovere un ambiente favorevole all’innovazione e ha occupato un posto di primo piano nella R&S e nell’applicazione delle tecnologie ambientali con potenti influenze in Cina.

YCESTC continua a perseguire una strategia di “globalizzazione“, promuovendo in modo proattivo il proprio sviluppo internazionale, con l’obiettivo di costruire un parco globale di straordinaria presenza e competitività.

UNA CALAMITA PER GLI INVESTIMENTI ESTERI

Dopo anni di sviluppo, l’YCESTC ospita oggi molte delle aziende leader in Cina e gli istituti di ricerca più all’avanguardia specializzati nella protezione ambientale.

Guidato dalla strategia nazionale “Going Global”, sta anche cercando di coinvolgere attori internazionali più affermati.

Attualmente, YCESTC ha partner e joint venture provenienti da oltre 20 Paesi e regioni, tra cui gli Stati Uniti, la Germania e il Giappone e ha sei centri internazionali per il trasferimento di tecnologie pulite tra Cina e altre regioni o paesi, come Europa, Germania e Paesi Bassi.

Per sostenere lo sviluppo guidato dal mercato e dal governo, le autorità competenti dell’YCESTC hanno messo in atto una serie di politiche preferenziali per accelerare la trasformazione e l’aggiornamento industriale, attrarre professionisti di alto livello e promuovere l’innovazione.

Ciò ha creato un ambiente politico favorevole per l’insediamento di varie aziende a YCESTC. Le aziende residenti beneficiano anche dei servizi amministrativi completi ed efficienti forniti dalle autorità competenti per garantire il regolare svolgimento delle operazioni commerciali.

Investire in Cina e nel distretto industriale dello Yancheng nello specifico è assolutamente strategico per le società italiane che hanno magari già un fatturato nel Paese. Questo perché, che si abbiano uno o più agenti d’istanza sul territorio, un distributore di fiducia o semplicemente dei clienti nel Paese, essere presenti fisicamente non solo garantisce una migliore gestione dei rapporti già esistenti, ma consente lo sviluppo di nuovi legami commerciali e la conseguente crescita del fatturato, sfruttando l’incredibile vicinanza con Shanghai e con le zone industriali più importanti della Cina. 

Per maggiori informazioni sullo YCESTC e su possibili investimenti e dislocazioni sul territorio, contattare Giulia Rossi g.rossi@altios.com

Fonti: https://www2.deloitte.com/content/dam/Deloitte/us/Documents/about-deloitte/us-investment-environment-of-yancheng-environmental-science-and-technology-city.pdf

 

La riapertura dell’economia cinese ha rispecchiato quelle che erano le previsioni degli esperti nel 2022: ci sono state delle sorprese economiche positive che hanno rafforzato la fiducia degli investitori. La crescita del prodotto interno lordo (PIL) cinese del primo trimestre, per esempio, ha raggiunto il 4,5%, superando le stime di consensus (4%). Anche il rimbalzo dei consumi è stato sostenuto, guidato dalla forte ripresa del settore dei servizi.

Caratterizzata da un tessuto economico composto sia da grandi imprese leader mondiali nel loro settore sia da molte realtà innovative, il distretto industriale dello Yancheng si dimostra una delle mete più strategiche per le aziende straniere che desiderano investire nel proprio sviluppo internazionale. Questa, infatti, è una delle principali aree industriali della Cina, fisicamente e industrialmente molto vicina a Shanghai, nonché luogo di investimento per grandi imprese quali le aziende automobilistiche KIA e Hyundai.

In un’ottica di costante crescita e promozione della zona, l’area dello Yancheng, con cui Altios Italia collabora aiutando le aziende nel loro processo di internazionalizzazione e di sviluppo all’estero, sta promuovendo diversi progetti di finanziamento, anche di stampo economico, nei confronti di quelle realtà italiane che vogliono investire all’estero.

La collaborazione tra Altios Cina e il distretto di Yancheng può essere strategica per quelle aziende che hanno progetti di sviluppo in Cina e stanno cercando un partner qualificato che le possa assistere partendo da semplici ricerche di mercato e/o consigli strategici per crescere nel paese, per arrivare all’effettiva apertura di stabilimenti produttivi, filiali, uffici commerciali oppure alla ricerca di personale cinese.

Investire in Cina e nel distretto industriale dello Yancheng nello specifico è assolutamente strategico per le società italiane che hanno magari già un fatturato nel paese. Questo perché, che si abbiano uno o più agenti d’istanza sul territorio, un distributore di fiducia o semplicemente dei clienti nel Paese, essere presenti fisicamente non solo garantisce una migliore gestione dei rapporti già esistenti, ma consente lo sviluppo di nuovi legami commerciali e la conseguente crescita del fatturato nel Paese, sfruttando l’incredibile vicinanza con Shanghai e con le zone industriali più importanti della Cina.  

Tornare a fare affari in Cina con ALTIOS

Le aziende interessate a trarre vantaggio dall’apertura dei cancelli della Cina dovrebbero prendere in considerazione l’idea di saperne di più sui diversi settori, che è il modo migliore per penetrare nel mercato. 

Con la nostra esperienza di oltre 30 anni  e un team di esperti con sede a Shanghai, possiamo allocare risorse adatte a navigare nell’intera opportunità cinese. 

Per discutere di più sulle opportunità di mercato, prenota una sessione di consulenza con noi 

Scrivi a: g.rossi@altios.com

 

Fonte: https://www.troweprice.com/

June 2023

Dopo tre anni di chiusura dei valichi marittimi e terrestri con Hong Kong, la Cina  continentale ha posto fine ai requisiti di quarantena per i viaggiatori in arrivo , smantellando l’ultimo pilastro della politica zero-COVID , che separava 1,4 miliardi di cinesi dal resto del mondo. Un netto cambiamento è stato osservato in tutti gli aeroporti internazionali, dai precedenti protocolli COVID-19 alle famiglie impazienti in attesa dei rimpatriati.

Si prevede che questa riapertura darà energia all’economia da 27 trilioni di dollari che ha subito la crescita più lenta in quasi mezzo secolo. Tuttavia, l’improvvisa inversione di tendenza ha innescato una massiccia ondata di infezioni che ha travolto gli ospedali e interrotto le attività nel dicembre 2022.

L’attuale fotografia economica della Cina

Con l’improvvisa riapertura del Paese, un’ondata di contagi ha provocato la disoccupazione simultanea di milioni di persone. Tuttavia, negli ultimi quattro mesi, la Cina ha registrato una ripresa dalla perdita di forza lavoro.

Un picco di sentimenti contrastanti nei confronti della Cina si è verificato da quando il governo ha bruscamente interrotto quasi tutti i controlli interni all’inizio del mese scorso. Sebbene gli investitori rialzisti abbiano riconosciuto che il processo di riapertura è stato difficile, è stato comunque pericoloso. Il tono dei rapporti di ricerca di molte banche d’investimento, tra cui Morgan Stanley, è cambiato nelle ultime settimane, ma rimane imprevedibile.

All’indomani della perturbazione dell’economia, il commercio al dettaglio, la produzione industriale e gli investimenti fissi hanno sofferto, mentre le epidemie di COVID-19 e le serrate hanno colpito principalmente il potere di consumo. A causa dell’aumento della disoccupazione e delle scarse prospettive di reddito , le famiglie cinesi hanno ridotto le spese e dato priorità al risparmio. E quando i consumatori spendono, lo fanno per prodotti premium orientati alla qualità, con un prezzo competitivo sul mercato. La premiumization è al suo apice dopo che i clienti hanno visto crescere la qualità dei marchi locali con prezzi ragionevoli.

Gli economisti prevedono in generale un forte rimbalzo dei consumi entro la fine dell’anno, a seguito del ritiro della strategia Covid-Zero e della riapertura dei confini del paese, dopo il picco di infezione durante il primo trimestre, e scatenando la domanda repressa e l’attività economica. I leader cinesi hanno dato la priorità allo stimolo della domanda interna, nonostante le tensioni geopolitiche e le preoccupazioni per l’economia globale. Dal capodanno cinese è stata osservata una tendenza in cui le aziende e le delegazioni cinesi stanno visitando i loro paesi prioritari commerciali nel tentativo di rafforzare ulteriormente le loro relazioni commerciali. Questo è il modo in cui la Cina dimostra il suo impegno nei confronti del mercato internazionale.

—————-

Tempi difficili per l’economia cinese?

 

Con le valutazioni e le aspettative sugli utili a livelli bassi alla fine del 2022 e il posizionamento degli investitori a livelli bassi, la Cina è completamente concentrata sulla ricostruzione della sua economia nel 2023 con l’assistenza dei suoi partner commerciali internazionali.

La sfida da porsi per l’economia cinese è se il vecchio posizionamento delle aziende sul mercato sarà ancora accettato dal mutato comportamento dei consumatori. Secondo il rapporto sui consumatori cinesi del 2023 di Mckinsey , la classe media continua a crescere e la premiumization rimarrà in slancio. Viene spiegato che ciò è dovuto al fatto che i consumatori fanno scelte più intelligenti e non rinunciano ai prodotti. I marchi innovativi stanno aumentando il loro gioco per fornire qualità a prezzi controllati , il che ha cambiato le dinamiche delle abitudini dei consumatori.

 

 

Conquistare il segmento di mercato dei prodotti di qualità a prezzi ragionevoli è un’opportunità per le aziende straniere?

Si prevede che la prima metà dell’anno sarà positiva, in quanto il governo adeguerà le sue politiche e fornirà politiche di sostegno a diversi settori per generare maggiori investimenti in entrata e crescita. Una riapertura completa dovrebbe avvenire intorno alla prima metà dell’anno e gli esperti indicano una crescita del PIL di oltre il 4% nel 2023.

Secondo Bloomberg Economics , l’economia cinese ha una maggiore possibilità di un rimbalzo più rapido e più forte alla fine del 2023, dopo il probabile inizio lento fino a marzo, con una crescita prevista in aumento del 4,8%.

Pechino sta dando la priorità alle politiche di sostegno monetario e di sostegno per i sistemi infrastrutturali nell’ambito del 14° piano quinquennale , per accelerare la crescita con una politica fiscale proattiva. Le politiche vengono ora coordinate per formare sinergie per uno sviluppo di alta qualità con misure di controllo macro intensificate. I responsabili politici stanno sottolineando la necessità di sostenere una domanda di finanziamento razionale, fusioni e acquisizioni e riorganizzazione. Sebbene sia troppo presto per prevedere i risultati di queste politiche, questo è il modo della Cina di abbracciare la sua apertura dopo 3 anni.

La Cina torna al lavoro: nuove industrie in forte espansione

Settore automobilistico

Nei settori automobilistico e della mobilità  la Cina è ampiamente riconosciuta come una potenza globale grazie alle sue prestazioni costantemente elevate e al suo immenso potenziale.

Secondo il Ministero dell’Industria e dell’Information Technology , la produzione nazionale di veicoli raggiungerà oltre 35 milioni entro il 2025 VS. 26 milioni nel 2021, rendendo la Cina il più grande produttore di automobili al mondo .

Nel settore automobilistico cinese, a causa del suo rapido sviluppo, stanno emergendo diverse tendenze industriali.

Tuttavia, l’industria automobilistica cinese si sta affidando ulteriormente a fornitori di produzione locale. Nei loro sforzi per assicurarsi un punto d’appoggio nel mercato automobilistico cinese in rapida crescita, molte aziende straniere hanno bisogno di accedere alla sede giusta, che combini costi e convenienza oltre a partner industriali affidabili.

Nuova industria dei materiali

La Cina ha lanciato il Consiglio per la scienza e l’innovazione per sostenere le imprese di nuovi materiali, il sostegno finanziario e l’innovazione in materia di R&S per migliorare la trasformazione del settore.

Si prevede che il valore della produzione per l’industria raggiungerà i 10 trilioni nel 2025. La struttura industriale è distribuita principalmente in materiali funzionali, sostanze polimeriche moderne e materiali per strutture metalliche di fascia alta, che rappresentano il 32%, il 24% e il 19%.

Gli investimenti stranieri nel settore dei nuovi materiali in Cina hanno registrato un aumento significativo nell’ultimo decennio e vedranno una crescita continua, in particolare a causa dello sviluppo di beni di fascia alta, lunghi cicli di ricerca e sviluppo, grandi requisiti di capitale e vantaggi di costo evidenziati. Ci sono molti incentivi e opportunità di investimento a Pechino per promuovere la crescita delle industrie, che possono essere fondamentali per il successo dell’azienda. Tuttavia, come proteggere la proprietà intellettuale (PI) mentre contemporaneamente si fa affari in Cina è qualcosa da prendere in considerazione prima di investire nel paese.

Attrezzature di fascia alta

 

La produzione di attrezzature di fascia alta, in quanto pilastro del settore manifatturiero, è il cuore dell’economia industriale cinese. L’attuale dimensione del mercato è compresa tra 200 miliardi di yuan ($ 29,98 miliardi) e 300 miliardi di yuan, rendendolo il paese leader per scala di sviluppo e capacità produttiva, con opportunità di investimenti esteri in varie tecnologie di fascia alta e di base.

 

La Cina sta dando la priorità all’applicazione dell’innovazione tecnica, ai vantaggi istituzionali, al miglioramento dei meccanismi orientati al mercato per l’innovazione tecnologica e al rafforzamento delle posizioni di leadership delle imprese nell’innovazione. Le aziende localizzate in Cina che hanno deciso di adeguare la propria capacità produttiva agli standard di Industria 4.0 stanno ricevendo importanti sovvenzioni dalle autorità pubbliche.

Gli operatori stranieri possono sfruttare questa opportunità per presentare i loro prodotti e attirare i clienti cinesi. Tuttavia, dovranno adattare le loro soluzioni e sviluppare una solida reputazione per generare grandi volumi, quindi dovranno investire a lungo termine sia nell’adattamento del prodotto che nello sviluppo del business.

Tornare a fare affari in Cina con ALTIOS

Le aziende interessate a trarre vantaggio dall’apertura dei cancelli della Cina dovrebbero prendere in considerazione l’idea di saperne di più sui diversi settori, che è il modo migliore per penetrare nel mercato. 

In ALTIOS, abbiamo oltre 30 anni di esperienza nell’aiutare i nostri clienti a esplorare il loro potenziale internazionale. Combinando con successo una gamma completa di servizi per l’ingresso e l’espansione del mercato, con una rete potente, globale e ben posizionata di 22 uffici, Altios ha aiutato oltre 3500 aziende a identificare, qualificare e collaborare con partner locali ideali per quanto riguarda distribuzione, joint venture e acquisizioni.

Con la nostra esperienza in IDE e un team di esperti con sede a Shanghai, possiamo allocare risorse adatte a navigare nell’intera opportunità cinese. Per discutere di più sulle opportunità di mercato, prenota una sessione di consulenza con noi .

Scrivi a: v.ricciardi@altios.com

January 2023

Il settore MedTech in Cina sta rapidamente diventando il settore più attraente per gli investitori. Con un tasso di importazione del 70%, la Cina è uno dei più grandi centri di produzione di dispositivi medici al mondo, nonché un mercato dominato da società multinazionali straniere. In questo contesto dinamico, quali saranno le potenziali sfide e le chiavi del successo per gli operatori stranieri nei prossimi anni?

Principali dati di mercato

Il mercato MedTech cinese è cresciuto a un ritmo costantemente rapido negli ultimi cinque anni e nel 2019 ha raggiunto i 7,82 trilioni di RMB (1,1 trilioni di dollari USA) , con un aumento del 10% rispetto a quello dell’anno precedente.

Per le aziende che intendono investire in questo promettente settore, è fondamentale conoscere le statistiche dell’industria MedTech cinese:

  • Nel 2020, il PIL cinese ha registrato una crescita più lenta del 2,3%, ma la sua spesa sanitaria è comunque aumentata da 6584,14 miliardi di RMB (1.033,1 miliardi di dollari) nel 2019 a 7230,64 miliardi di RMB (1.134,5 miliardi di dollari) l’anno successivo. Tuttavia, è ancora il secondo settore in più rapida crescita al mondo .
  • Si prevede che le entrate della Cina nel mercato della tecnologia medica raggiungeranno i 40,96 miliardi di dollari nel 2022.
  • Il segmento più grande del mercato è quello dei dispositivi medici, con un volume di mercato previsto di 29,07 miliardi di dollari nel 2022.
  • Entro il 2027, le entrate dovrebbero mostrare un tasso di crescita annuale (CAGR 2022-2027) dell’8,12%, con un volume di mercato di 60,51 miliardi di dollari.
  • Nel confronto globale, la maggior parte delle entrate sarà generata negli Stati Uniti (200,20 miliardi di dollari nel 2022).

Tendenze del mercato MedTech

La tecnologia medica cresce costantemente a causa dell’invecchiamento della popolazione cinese: si prevede che gli anziani raggiungeranno i 300 milioni entro il 2025 e i 400 milioni entro il 2035. Grazie a un forte rimbalzo della strutturazione dei ricavi nel 2022 e a un aumento costante nel 2023, si prevede una crescita stabile e costante del settore, come già visto prima del Covid-19.

Ciò garantisce investimenti sostenuti in ricerca e sviluppo, una proliferazione di servizi sanitari e l’implementazione della tecnologia esistente.

Inoltre, il mercato presenta notevoli opportunità di crescita. Ciò è possibile poiché il governo cinese ha recentemente definito molteplici iniziative per sostenere la crescita e l’innovazione a lungo termine nell’erogazione dell’assistenza sanitaria. Per quanto riguarda questo settore, sarà più presente nel 14° piano quinquennale (che copre il periodo 2021-25) rispetto al 13° piano quinquennale.

La strategia di ingresso nel mercato cinese per gli operatori stranieri

Le società estere internazionali che desiderano entrare in Cina, di solito operano in tre modi:

  1. Investimenti diretti creando una base in Cina tramite l’apertura di una WOFE, una filiale o una JV.
  2. Partnership con gli OEM
  3. Importare per vendere sul mercato.

Tuttavia, le cose si stanno evolvendo. A seguito dei recenti cambiamenti globali, dopo la pandemia e la tesa ristrutturazione politica, la maggior parte delle aziende ha capito qual è il modo migliore per trarre vantaggio dal redditizio mercato cinese.

Ora le aziende si stanno concentrando sulla monetizzazione vendendo ai mercati locali anziché esportare. Mentre si sviluppano con il mercato finale, le imprese scelgono di acquisire quote di mercato maggiori localizzando la filiera, rispondendo rapidamente alla domanda dei clienti e approfittando di politiche fiscali favorevoli agli investimenti in R&S.

Con la localizzazione, le società hanno arricchito i propri incentivi finanziari, tra cui, ma non solo, una riduzione dell’imposta sulle società del 15% e la riduzione dell’IVA.

A livello di modello di business, le major MedTech stanno uscendo dalle loro zone di comfort con partnership intersettoriali con colleghi, aziende farmaceutiche, fornitori e clienti per soluzioni per malattie e salute.

Alcuni casi di studio da esplorare sarebbero la partnership di Radiometer con AstraZeneca per le malattie renali , Illumina e Sanofi per i trattamenti delle malattie rare e altro ancora.

Conclusione

Con la strategia e le partnership giuste, l’industria MedTech cinese offre opportunità significative. Le aziende Medtech dovrebbero evolversi e innovare per stare al passo con il sistema sanitario fortemente guidato dalle tendenze digitali data-driven.

Vuoi saperne di più?

Se vuoi maggiori informazioni sul mercato cinese, puoi anche leggere il nostro articolo : Hong Kong Bouncing Back

——————

Se volete entrare in nuovi mercati internazionali o per maggiori informazioni contattare v.ricciardi@altios.com

———————

Lo scoppio della pandemia di COVID-19 ha avuto un forte impatto sull’economia locale e sull’intera catena del valore. L’economia cinese si è rivolta verso l’interno per far fronte alla diminuzione dei consumi dei mercati esteri e sostenere la domanda locale.

Dal 2020 all’inizio del 2022, le decisioni prese hanno portato ad una crescita ridotta ma stabile del Paese. Tuttavia, dopo lo scoppio della nuova variante Omicron a Shanghai, all’inizio di marzo 2022, l’economia locale ha dovuto affrontare sfide senza precedenti.

Con un tasso di crescita medio del PIL del 5,95% nel 2019, del 2,24% nel 2020 e dell’8,11% nel 2021, l’economia cinese si è dimostrata una delle più resistenti a livello mondiale, mentre tutte le principali economie hanno affrontato la recessione dovuta alla pandemia di COVID-19.

Nonostante sia stato severo all’inizio del 2020, l’impatto del COVID-19 non è stato uniforme su tutti i segmenti dell’economia cinese. Le restrizioni imposte dalle autorità cinesi (restrizioni ai viaggi, chiusura di negozi, chiusura di ristoranti, ecc.) hanno avuto un forte impatto sulle imprese tradizionali e hanno stimolato la digitalizzazione dell’economia con una forte crescita dell’e-commerce.

Nuove sfide e nuove opportunità per gli operatori stranieri

Molti segmenti tradizionali del mercato cinese iniziano a saturarsi con una pressione altamente competitiva: alimenti e bevande, vino, elettrodomestici, mobili, ecc. Tuttavia, poiché il mercato sta diventando più maturo, alcuni segmenti stanno registrando una rapida crescita.

1.   Assistenza sanitaria e scienze della vita

Grazie all’urbanizzazione e all’invecchiamento della popolazione, il mercato sanitario cinese ha mantenuto una crescita continua e in forte accelerazione dal 2020.

L’invecchiamento della popolazione ha portato al lancio di nuovi prodotti (latte e formule per anziani, integratori alimentari, attività per anziani, ecc.) e di nuovi servizi (case di riposo, assistenza residenziale clinica, ecc.).

Nel 2020, il volume del mercato farmaceutico cinese raggiungerà i 220 miliardi di dollari, diventando il secondo al mondo dopo quello americano, mentre le entrate del mercato cinese dei dispositivi medici raggiungeranno i 118 miliardi di dollari.

Questa tendenza, iniziata nel 2020, ha continuato ad accelerare nel 2021: il 49% degli intervistati in un sondaggio ritiene che il consumo sano sia diventato più importante.

2. Automotive e NEV

La Cina rimane il primo mercato automobilistico sia per vendite annuali che per produzione. Si prevede la produzione di 35 milioni di veicoli entro il 2025. Il mercato automobilistico cinese rimane dinamico nonostante il COVID-19 con un forte segmento legato ai NEV.

Il mercato cinese dei veicoli a nuova energia (NEV) è in piena espansione da 7 anni. Nel 2021 nella Cina continentale sono stati venduti 3,3 milioni di NEV (PHEV e BEV), che hanno reso la Cina il primo mercato NEV al mondo.

Nel 2022 si prevede la vendita di 5,22 milioni di unità (+47,2% di crescita YoY rispetto al 2021), per un tasso di crescita medio del 38% dal 2021 al 2025. Questo percorso in rapida crescita sta stimolando anche segmenti collegati (prodotti e servizi) come la produzione di batterie, la produzione e l’installazione di stazioni di ricarica, l’installazione di stazioni di swapping, ecc.

3. Greentech ed efficienza energetica

Ad oggi, la Cina emette ancora oltre il 25% dei gas serra del mondo, con una capacità installata di carbone superiore a quella del resto del mondo messo insieme.

Pertanto, le autorità cinesi sono disposte a fare importanti investimenti per ridurre questo impatto nell’ultimo decennio e raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio entro il 2060: Goldman Sachs stima che questo investimento si chiuderà a 16.000 miliardi di dollari.

I piani annunciati dal governo cinese riguardano molteplici settori che beneficeranno di un forte sostegno: energia, industria, trasporti, ferro e acciaio, metalli non ferrosi, petrolio, petrolchimica, gas naturale, sviluppo urbano e rurale, agricoltura e aree rurali e materiali da costruzione.

Il mercato ha anche mostrato segni di maturità, in quanto le autorità cinesi stanno gradualmente eliminando i sussidi, favorendo una concorrenza leale tra operatori locali e stranieri, migliorando gli investimenti esistenti e applicando regolamenti, standard e norme rigorose.

4. Agricoltura e industria alimentare

Le industrie agricole e alimentari stanno accelerando la loro trasformazione per sostenere la nuova domanda dei consumatori cinesi.

Dal 2019 le importazioni di prodotti agricoli orientati al consumo sono state superiori alle importazioni di prodotti sfusi. Nel 2020 la Cina ha importato un totale di 166 miliardi di dollari di prodotti alimentari e agricoli (carne, verdura, frutta, prodotti trasformati, vino, alcolici, ecc.)

Cliccate sul link qui sotto per scaricare gratuitamente il libro bianco sulla Cina, per trovare aggiornamenti sulle sfide più recenti, e per avere successo con il giusto approccio.  

11 Giugno 2020

Per approfondire la conoscenza dei mercati e discutere di progetti o problematiche specifiche direttamente con gli esperti che operano nei mercati esteri, Altios e Crédit Agricole hanno organizzato una serie di eventi online nel formato Seminario + Appuntamenti BtoB, nei quali ogni singola azienda avrà la possibilità di discutere con i Direttori delle filiali estere di Altios in appuntamenti dedicati.

  1. Seminario online specifico per i settori “Food & Beverage + Food Equipment & Machinery”, 11 Giugno
  2. Incontri B2B individuali con gli esperti Altios della sede di Shanghai per approfondire progetti e problematiche nel mercato cinese. Gli incontri B2B sono aperti ad aziende di ogni settore.

Per registrarti, cliccare di seguito : Mi iscrivo